Abbiamo gufato contro questa struttura giocattolo già nel marzo 2016, il presidio venne inaugurato pochi giorni dopo il nostro articolo, con canti trionfali da parte di Pittella e Quinto, una struttura 2.0 completata in tempi record e che consentirà grandi risparmi, dicevano. Per ora a due anni e mezzo dall’inaugurazione il rivestimento esterno nei pressi dell’ingresso è già a rischio caduta, non lontano dalla targa imperiale ove troneggia, neanche fosse Emilio Colombo, il nome del neo arrestato e decaduto satrapo della sanità materana, Piero Quinto. L’ASM non ci ha mai fornito le carte dell’appalto, a conferma della grande voglia di collaborazione e senso di trasparenza dell’azienda sanitaria locale.