Durante le elezioni e nel pieno della bagarre mediatica, l’associazione ed i comitati di “Attuiamo la Costituzione” lanciano un messaggio di affascinante controtendenza, di vera consapevolezza civica.

Alla luce di una legge elettorale incostituzionale, non rappresentativa dei principi fondanti della nostra democrazia e chiaramente strutturata contro i cittadini, sempre più italiani consapevoli invitano ad una vera forma di sovranità, il rifiuto della scheda elettorale, il rifiuto a partecipare ad una truffa. I “comitati per attuate la costituzione” come quello di Bolzano, riportano e precisano sul loro sito web che non si tratta di astensione, non è “non voto” o rifiuto del medesimo, anzi è un voto contro il sistema italiano che col tempo ha esautorato la funzione democratica del voto stesso. Un punto di vista altro che merita attenzione e riflessione, ma sopratutto informazione perchè messaggio fortemente discriminato dai mass-media.

Vi invito a leggere attentamente il materiale allegato e linkato, e a visitare i siti web di “Attuiamo la Costituzione”, perchè fuori dalle forze candidate forse c’è un’altra Italia che meriterebbe voce e spazio. Intanto in Sardegna il disagio verso la politica prende forme gravi di dissenso, come la vera e propria restituzione delle tessere elettorali, eventi che come altri ( per esempio la manifestazione romana del 24 febbraio contro la legge Lorenzin sui vaccini ) vengono chirurgicamente omessi dal dibattito elettorale e dal servizio pubblico radiotelevisivo.