Leggo con malinconica ironia la replica del Dott. Iannicelli, direttore Arpab di nomina politica (PD), che per oltre un anno pur non avendo mai trovato il tempo di rispondere ad una nostra singola pec o mail a lui inviata, trova il tempo di contattare l’APPA Bolzano, cosa quest’ultima che dovrebbe fare più spesso per imparare a svolgere i monitoraggi che l’Arpab non è in grado di fare.

Edmondo Iannicelli

Tutto ciò che precisa Iannicelli noi lo abbiamo già pubblicato sul nostro blog, e visto che non si riesce a contestare il dato ( infatti si immagini l’esito delle analisi del Pertusillo, già pesantemente positivo, se il campione fosse arrivato in condizioni perfette ) si cerca di delegittimare la fonte.

Iannicelli non ha competenze ambientali, è di nomina politica ed è stato anche sbeffeggiato in commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti, perché non ricordava i dati dell’agenzia da lui diretta. Strano a dirsi, ma fa rimpiangere Schiassi.

Abbiamo del resto anche scritto che non tutto il parere dell’Appa di Bolzano è riportato nel referto, e difatti se la magistratura ce lo chiederà metteremo a disposizione le ulteriori prove in nostro possesso. Strano che Iannicelli non si pronunci invece su ciò che l’APPA di Bolzano ha refertato.

Iannicelli se crede in una sola parole da lui scritta organizzi subito un pubblico contraddittorio sulla vicenda Pertusillo con la nostra associazione, Cova Contro, saremo lieti di fargli capire la sua inidoneità al ruolo ricoperto e contemporaneamente gli forniremo anche un know-how nel settore visto che siamo stati i primi a pubblicare un referto microbiologico con foto annesse, prima anche della sua Arpab. Così difficile è capire il motivo per cui non possiamo rivolgerci all’Arpa Basilicata, ente politico più che tecnico? Il cittadino che non si fida della sua Arpa cosa dovrebbe fare per auto-tutelarsi? Direttore Iannicelli lei era in grado di fornire un parere al livello di quello dell’Appa di Bolzano? Da quei miseri foglietti bianchi non firmati ed incompleti che chiamate “analisi Arpab”, pare proprio di no e per quanto ci riguarda può anche da domani tornare a fare il sindaco di Ispani sempre che non debba togliere il posto a sua moglie.

F.to Dott. Giorgio Santoriello – Presidente Associazione Cova Contro